Conservare Bitcoin in sicurezza: Ecco come funziona. Guida completa

Come Conservare Bitcoin; La guida fondamentale.

In questa guida ti spiegherò i concetti indispensabili per capire come e dove conservare dei Bitcoin in sicurezza.

Sebbene questa guida è sviluppata pensando alla custodia di Bitcoin, le indicazioni che troverai valgono generalmente per qualsiasi criptovaluta.

Quindi, niente chiacchiere e vediamo di capire come conservare bitcoin.

Conservare Bitcoin: Il tuo punto di partenza.

Quando si parla di conservare Bitcoin in sicurezza, bisogna prima capire che ci si trova davanti ad una nuova classe di asset che quindi richiede un approccio innovativo.

Quando vuoi conservare bitcoin, infatti, stai cercando di mettere al sicuro degli asset digitali scarsi.

Che vuol dire?

Te lo spiego con una semplice differenza:

Una foto su whatsapp, un file su word, un film, può passare di mano in mano ed essere copiato infinite volte. Perchè si tratta di qualcosa di digitale.

I Bitcoin, invece, seppur digitali non si possono replicare affatto.

Com’è possibile?

Si tratta del funzionamento del Bitcoin; tuttavia, è proprio il fatto di non essere moltiplicabile che rende i Bitcoin soldi veri che vuoi custodire.

In virtù della loro intangibilità, per gestire e conservare Bitcoin (o altre criptovalute) dovrai usare degli strumenti appositi che vengono chiamati Wallet.

Nel resto di questa guida ti spiegherò per bene cosa sono i wallet (detti anche portamonete o portafogli digitali), prima però devi afferrare un importante concetto.

Come ti spiegavo sopra, i bitcoin sono una nuova classe di beni digitali che richiedono un approccio innovativo.

Infatti, anche se compri dei bitcoin non ne sei necessariamente il legittimo proprietario.

Non esiste un catasto di bitcoin o un ente che gestisce tutto. L’unica cosa da cui si desume la proprietà di bitcoin è la blockchain.

La blockchain è un documento nel quale si legge lo storico delle transazioni di bitcoin e puoi vedere chi è in possesso di bitcoin in uno specifico momento.

Nella blockchain però non troverai delle identità, bensì degli indirizzi bitcoin.

Cosa sono gli indirizzi bitcoin?

Gli indirizzi sono la destinazione digitale su cui un utente riceve Bitcoin. Un indirizzo è una stringa di numeri e lettere incomprensibile tipo questa: bc1qnh8p8hzgew3upqfy2f5zeza2tm9nz7netefl5p

Puoi immaginarteli come degli indirizzi e-mail. La differenza è che il titolare di un indirizzo mail riceverà messaggi di posta elettronica mentre il titolare di un indirizzo Bitcoin riceverà bitcoin.

Gli indirizzi sono importanti perchè chi ha controllo su un indirizzo con dei bitcoin al suo interno ha controllo su quei bitcoin.

Quello che vorrei farti capire è che NON sei mai il legittimo proprietario di alcuni specifici bitcoin. Nessuno ti riconosce come proprietario di alcuni specifici bitcoin. Puoi solo controllare degli indirizzi che – possibilmente – contengono bitcoin.

Se non hai già abbandonato la pagina in preda alla confusione, ora dovresti trovarti con alcune rilevanti conclusioni:

  • I Bitcoin sono asset digitali del tutto intangibili.
  • Puoi verificarne l’esistenza su un registro digitale (la blockchain).
  • Per conservare bitcoin in sicurezza devi avere controllo sugli indirizzi che li contengono.

Quindi, come si controllano gli indirizzi?

Con i wallet.

Come e dove conservare bitcoin: i wallet

Ledger wallet - Esempio di portafoglio hardware per conservare Bitcoin
Esempio di hardware wallet per conservare Bitcoin – Fonte: Ledger.com

I wallet (o portafogli) sono gli strumenti che userai per conservare Bitcoin e altre criptovalute.

La funzione dei wallet è quella di aiutarti a ricevere, spendere e custodire i tuoi bitcoin in sicurezza anche se non sei un esperto informatico.

Il wallet può essere un software (come un’app sullo smartphone o un programma sul computer) oppure un dispositivo separato (tipo una speciale chiavetta USB).

A seconda del tipo di wallet che deciderai di utilizzare, otterrai diversi gradi di sicurezza e facilità d’uso.

Come funziona un portafoglio bitcoin?

A prescindere dal tipo di portafoglio che userai, ti troverai sempre con una interfaccia da cui poter creare degli indirizzi sui quali ricevere bitcoin oppure autorizzare transazioni per spenderli.

Dall’interfaccia del tuo portafoglio potrai vedere anche il saldo di bitcoin o delle altre criptovalute che ci conservi.

Tornando all’esempio della mail, chiunque può spedire messaggi ad un qualsiasi indirizzo mail, ma solo chi ha la password può accedervi, leggere le mail e inviarne di nuove da uno specifico indirizzo.

Ora vediamo quali tipi di wallet esistono in commercio, quanto costano e cosa cambia tra di loro.

I tipi di wallet in commercio

I tipi di wallet in commercio

Sul mercato, si possono trovare diversi tipi di wallet che ricadono in una di queste categorie:

  1. Web wallet – Sono delle piattaforme a cui ti affidi e gli chiedi di conservare i tuoi bitcoin. Un pò come le banche che conservano i tuoi soldi. Possono essere dei siti online (tipo gli exchange) o delle estensioni per il tuo browser. Data la natura digitale di bitcoin sono i più comodi ma anche i meno sicuri.
  2. Desktop wallet – Sono dei programmi che scarichi sul tuo computer e con cui potrai ricevere o spendere bitcoin o criptovalute.
  3. Mobile wallet – Sono delle app che scarichi sullo smartphone e con cui puoi ricevere o spendere bitcoin o criptovalute.
  4. Hardware wallet – Gli hardware wallet (o wallet offline) sono dei dispositivi separati che hanno il solo compito di aiutarti a conservare al meglio bitcoin e criptovalute. Sono i più sicuri perchè non sono connessi ad internet.
  5. Paper wallet – Sono dei pezzi di carta che puoi stampare per conservare bitcoin e criptovalute. Sono estremamente difficili da gestire e consigliati solo a degli esperti. Stanne alla larga.

La fuori esistono migliaia di wallet con caratteristiche e garanzie di sicurezza diverse. Per districarti in questa giungla, ho scritto una guida su come scegliere un wallet bitcoin adatto alle tue esigenze

Come si crea un wallet?

A seconda della tipologia di wallet che deciderai di usare, ti troverai in scenari diversi.

Nel caso degli online wallet, devi registrarti ad un sito internet o scaricare una estensione sul browser.

Se ad esempio usi un exchange per comprare bitcoin, accederai al sito e potrai manovrare i tuoi fondi direttamente dalla piattaforma Per accedere ai wallet online userai delle credenziali come email, password o codice PIN.

Nel caso dei desktop wallet o dei mobile wallet, dovrai scaricare il software (facendo attenzione a scaricarlo dal sito autentico o dall’app store) e successivamente installarlo. A questo punto, dovrai configurare il wallet e poi potrai usarlo per ricevere o spendere bitcoin e criptovalute.

Nel caso degli hardware wallet, si tratterà di acquistare il dispositivo e una volta ricevuto dovrai configurarlo seguendo le istruzioni del produttore. A quel punto potrai usarlo con l’interfaccia del produttore o con altre interfaccie disponibili.

In qualsiasi caso, si tratta di procedure semplici tanto per l’installazione quanto per la configurazione.

Ad eccezione degli online wallet, la parte più delicata è quella di scriverti il seed del wallet e soprattutto custodirlo a dovere. Il seed – un gruppo di 12 o 24 parole – è l’unico modo che hai per recuperare i tuoi bitcoin qualora dovessi perdere accesso al wallet.

Quanto costa un wallet bitcoin?

La maggior parte dei wallet bitcoin sono gratuiti.

Se usi un exchange o un estensione, il wallet è parte del servizio che usi e di solito non ha un prezzo né un abbonamento.

Nel caso dei wallet per smartphone, per computer o con i paper wallet si tratta di software open-source liberamente disponibili e scaricabili da chiunque.

Gli hardware wallet invece sono dei dispositivi fisici che dovrai acquistare dal sito del produttore. Il prezzo varia dai 40 ai 150 euro a seconda del modello.

Ti faccio notare che mentre i wallet sono gratuiti, usare bitcoin e criptovalute comporterà sempre delle commissioni quando li spendi o li trasferisci sul wallet.

Se ad esempio sposti bitcoin dall’exchange al wallet sul computer, pagherai delle fee a seconda dell’exchange che usi.

Dove comprare un wallet bitcoin?

I wallet bitcoin fisici offline si possono comprare online su amazon o su altri siti.

Una buona norma è quella di comprarli direttamente dal sito ufficiale del produttore, sia per avere certezza dell’integrità del wallet che per avere una linea diretta con il produttore del dispositivo.

Ultimamente stanno spuntando anche dei rivenditori nelle città italiane ma sono piuttosto rari.

Quanto ai wallet online, questi sono di solito gratuiti e si possono scaricare dall’app store o dal sito ufficiale del wallet.

Con questo è tutto.

Se hai domande, scrivile nei commenti e ti risponderò al più presto. In alternativa, per restare aggiornato segui Checkpoint Bitcoin su Facebook– Twitter – Linkedin.

 

Fabio Arcieri
Fabio Arcieri
Sono laureato in economia e mi occupo di marketing e comunicazione. Per anni ho avuto la sensazione che ci fosse qualcosa di rotto nelle fondamenta della società e, dopo aver scoperto Bitcoin, finalmente sono riuscito a mettere insieme i pezzi. Checkpoint Bitcoin è il mio contributo alla causa del Bitcoin.
Potrebbe interessarti
Continua a navigare per aree tematiche
Segui Checkpoint Bitcoin

Lascia un commento